Impressioni dalla boa di bolina sul Campionato Italiano Kitefoil, prima tappa di Vada

primo italiano
Alessio Brasili
Toni Vodisec

Dalla posizione in bolina si vede molto bene il comportamento dei regatanti, sia i requisiti tecnici che tattici. Dopo due anni e più in cui sono state effettuate regate di kite race a Vada, prima con le tavole con sole pinne poi con i foil, si può dire che la classe è numericamente cresciuta e si continua a sviluppare sia la tecnica di conduzione che la ricerca alle caratteristiche dei mezzi, sia delle forme in aria che in acqua sia delle tecnologie di costruzione in ogni componente. Una buona partenza in velocità e la capacità di condurre veloce il mezzo hanno dato merito al primo di vincere per ben 12 volte in due giorni. Tutto era improntato sulla conduzione e molto poco sulla tattica. Questo mi fa dire che siamo ancora in una fase embrionale della classe che sta davvero aumentando i livelli di velocità e di abilità dei regatanti. C’è da considerare che alla tappa di Vada abbiamo visto in due anni veri campioni di livello mondiale sovrastare il livello nazionale che comunque sta facendo passi da gigante e offre ugualmente dei veri campioni. Gli ingaggi di Calbucci con Nocher dello scorso anno erano un buon indicatore di livello. Calbucci purtroppo non è stato presente a questa edizione per problemi fisici temporanei. Brasili primo italiano è stato comunque bravissimo.

Col tempo la classe sicuramente inizierà ad acquisire un atteggiamento più tattico dove la velocità andrà ad unirsi ad un bordeggio più efficace. La virata nel kite hydrofoil è molto rapida e l’angolo per ripartire rimane comunque sempre molto stretto. I cavi più corti danno più agilità in partenza nel procurarsi e nel mantenere una buona posizione allo start.

Vedremo, la classe è da seguire ed in piena evoluzione.

 

Campionato Italiano Kite Foil 2019 – 1° tappa

Ancora una volta Kite Foil a Vada. Siamo lieti di ospitare questa particolare classe velica che sta crescendo in termine di praticanti, regatanti e di interesse verso l’esordio olimpico. È una classe veloce che però grazie alla sua rapidità di manovra potrà assumere quei contenuti tattici delle classi veliche più lente. Vada si attesta a luogo in cui la vela può esprimersi anche nelle versioni foil grazie alle sue caratteristiche meteo marine e morfologiche

Area windsurf e kite RdT Centro WK Surf

Per la stagione estiva 2018 entreranno in vigore tutte le norme che regolano le attività sul demanio marittimo a partire dalla balneazione. Gli sport del surf sono anch’essi regolati nei modi riportati nelle Ordinanze di Capitaneria e Comune di Rosignano. Il Centro WK Surf Vada offre la possibilità di praticare il windsurf e il kite nella propria area di attività. Per chi voglia essere assistito il Centro offre una serie di servizi.

Per saperne di più:http://www.comune.rosignano.livorno.it/new/allegati/11563/Ordinanza_balneazione_n._336_del_8_6_2010.pdf

 

Regata Nazionale Kite Hydrofoil

1° Tappa di Campionato Italiano Kite Foil 2018
E’ stato un onore per la seconda volta, a Vada presso il Camping Tripesce, poter ospitare questa particolare nuova classe velica: il Kite Foil. Il vento di levante in questi due giorni ha dato la possibilità di effettuare sette prove, con successo, della Prima Tappa del Campionato Italiano Kite Foil 2018. Il campo di regata molto tecnico ma estremamente veloce grazie alle acque completamente piatte ha fatto esprimere al massimo i 18 partecipanti tra cui diversi stranieri. Era presente anche il monegasco Maxime Nocher vincitore di diversi titoli mondiali e che ha davvero dato dimostrazione di dove ci si possa spingere con questo particolare mezzo velico. Nocher è stato comunque incalzato a dovere da parte del riminese Mario Calbucci, atleta molto qualificato giunto secondo con un grande merito.
Lo sforzo organizzativo del CV Pietrabianca, di Inkite Vada, Centro WK Surf Vada e dello staff Giuria FIV è stato ripagato nonostante le previsioni del tempo non facessero sperare condizioni favorevoli. Per questo, probabilmente ci sono state diverse assenze tra i regatanti italiani, assenze che purtroppo potrebbero pesare nel proseguo del campionato.
Vada si conferma così un’importante località per le discipline della vela e del surf, sia kite che windsurf.
Passiamo ora a presentare le classifiche nelle varie categorie e assolute.
Open Maschile: 1°) Maxime Nocher (MON); 2°) Calbucci Mario (ITA) 3°) Thomas Lombardo (FRA). 
Youth: 1°) Boschetti Lorenzo 2°) Matteo Gaffarelli.
Donne: 1°) Silvia Rossini.
Master: 1°) Gianluca Merla 2°) Cristiano Magrograssi 3°) Stefano Moris.
Grand Master: 1°) Guido Simonetti 2°) Fabrizio Bernasconi 3°) Enrico Tonon.
Foto di Willy Cartei
Fase di preparazione
Maxime Nocher 1° Class
Mario Calbucci 2° class, miglior atleta italiano.
Silvia Rossini unica donna in regata
Gommone posa boe e controllo In Kite Vada

 

Gommone posa boe bolina Centro WK Surf Vada

Foto di Elisa Guerrieri:

Atleti, rappresentanza federale e organizzatori